Agenzia

Qualche anno fa incontrai una coppia di amici in vacanza con i due figli, di 4 e 6 anni. Con loro c’era Chloe, una ragazza sudafricana di 20 anni, l’au pair. All’ epoca non avevo idea di cosa fosse. Trascorremmo una settimana insieme , passavamo le giornate al mare, facevamo delle lunghe passeggiate, mangiavamo nei ristorantini del posto e mi rimase impressa, più di ogni altra cosa, la piacevole sensazione di relax . I bambini stavano per la maggior parte del tempo con Chloe, completamente catturati da lei, incuriositi  dai suoi racconti e dalle sue esperienze,  giocavano e parlavano  in inglese con assoluta naturalezza, come fosse la cosa più normale del mondo.
 
Pensai allora a quanta fatica avevo fatto da adolescente, tra i banchi di scuola, ad imparare un’altra lingua mentre invece loro giocando e a contatto con una persona di un’altra cultura avevano appreso come spugne senza alcuno sforzo.


In quel momento ho deciso che sarebbe stato un bellissimo regalo da fare ai miei figli: non solo offrire loro l’opportunità di apprendere un’altra lingua in modo semplice e divertente ma anche un modo per favorire la loro crescita personale grazie allo scambio culturale.

Così cominciammo anche noi.

All’inizio i dubbi e le domande erano molteplici: “Come sarà convivere con un’estranea? Sarà una persona affidabile? E se non dovesse piacerci? “

Arrivò “Lucy”. Le prime settimane eravamo un po’ disorientati ed impacciati, ma giorno dopo giorno l’entusiasmo cresceva sempre di più, così come la comprensione reciproca e l’affiatamento con i miei figli. Al momento di salutarci alla fine dell’esperienza ci sembrava che i tre mesi fossero davvero volati. A Lucy sono seguite Alexandra, Katie, Clare… ogni volta è stata un’ esperienza diversa ed unica, ogni volta qualcuna di loro ci ha regalato qualcosa.

Dopo quattro anni in cui si sono susseguite diversi au pair nella nostra famiglia, posso dire di essere assolutamente soddisfatta dell’esperienza intrapresa. Abbiamo raggiunto importanti obiettivi, siamo cresciuti, maturati e abbiamo intrecciato relazioni intense, amicizie che durano nel tempo e che creano altre opportunità future di viaggi e scambi. Pensavamo che i bambini potessero vivere con sofferenza il distacco da persone che avevano avuto modo di conoscere e che erano entrate a far parte della loro quotidianità, ma ancora una volta proprio loro, i più piccoli, ci hanno stupiti dimostrandoci che questa esperienza ha influito sulla loro capacità relazionale, aprendo la loro mente e le loro prospettive.

Da qui è nata l’idea di fondare questa agenzia, per trasmettere alle persone il valore di questa esperienza, per creare più opportunità, per  coinvolgere e affiancare le famiglie e le ragazze che desiderano  lanciarsi in questa avventura.

Perchè scegliere la nostra agenzia

Au pair for Kids ha come obiettivo quello di supportare e guidare le famiglie ospitanti e gli au pair durante il percorso di selezione e di conoscenza.  Tramite diversi colloqui e la valutazione delle referenze e dei dati personali, vengono preselezionate persone qualificate e affidabili . Siamo specializzati nella selezione di personale madrelingua inglese, francese, tedesca, italiana e spagnola. Ci appoggiamo anche ad agenzie competenti ed affidabili nel settore che garantiscono l’applicazione degli stessi criteri. Offriamo diverse soluzioni per l’assistenza volta a soddisfare tutte le necessità delle famiglie, dalle baby sitter, alle au pair, alle insegnanti private.

La nostra prossima sfida sarà quella di favorire nei giovani la mobilità internazionale, lo scambio interculturale, in Europa o in un altro continente, a seconda delle loro esigenze e necessità . Offriremo consulenza e appoggio nell’organizzazione di soggiorni studio in famiglia o in college, e/o vacanze/lavoro applicando severi criteri, selezionando i migliori centri, sistemazioni confortevoli, corsi coinvolgenti, escursioni in località di interesse culturale e occasioni per sport e divertimento.
 

RAPPORTO E ASSISTENZA FAMIGLIA OSPITANTE- AU PAIR

Il rapporto tra agenzia e cliente comincia con la registrazione nel sito e si protrae fino al termine dello scambio.
L'iter prevede una prima conoscenza tra agenzia e cliente, vengono dunque esaminate le richieste espresse da quest'ultimo, valutate le sue referenze e infine vengono fissati i colloqui.
Superata questa fase preliminare di selezione, vi verranno inviate le nostre proposte, potrete esaminare la documentazione e poi valutare la persona e/o famiglia, telefonicamente e/o tramite video chiamata. Se il candidato corrisponde alle vostre aspettative, e viceversa, di comune accordo si potrà procedere alla stipula del contratto.
Qualora sorgessero difficoltà relazionali o di altra natura, la famiglia e/o l'au pair potranno contattarci.
L’agenzia rimarrà a disposizione di entrambe per tutto il periodo concordato dello scambio. Sarà dunque rintracciabile telefonicamente, via mail o WhatsApp tutti i giorni feriali dalle 8.30 alle 19:30.
Nel caso di situazioni critiche, si potrà concordare lo spostamento dell'au pair in un'altra famiglia o procedere al suo rientro in patria se non fosse possibile una collocazione alternativa.
In tal caso è necessario un preavviso di 15 giorni. Nel frattempo, la famiglia continuerà ad ospitare la persona, che continuerà a svolgere i propri compiti concordati, in attesa dell'eventuale sostituzione.
Quest'ultima non  può sempre essere garantita in tempi stretti in quanto dipende da una serie di condizioni non prevedibili, come per esempio, l'effettiva disponibilità in quel momento di una persona/famiglia che risponda alle vostre richieste.

IMG IMG
AVATAR
Au Pair For Kids | Alex

Being an au pair in the italian family was truly a wanderful experience.The family was exceptional, they were very pleasant, generous and friendly as well as the rest of their family. It wasn't hard to work with the children, to play and to teach theme English!
Alex

AVATAR
Au Pair For Kids | Elle

My two months in Sicily completely immersed me in Sicilian culture. Within days I felt part of the family I was working for, and privileged to have an impact on the lives of the kids.
Elle

AVATAR
Au Pair For Kids | Bojana

I spent most amazing three months in Sicily, and from my point of view this is just great opportunity to gain experience, collect wonderful memories and make friends for life.
Bojana

AVATAR
Au Pair For Kids | Rebecca

I enjoyed my experience with my host family. I lived in a nice apartment and the kids where very sweet. Good food too!It was a great experience, and I learned a lot!
Rebecca

AVATAR
Au Pair For Kids | Gabriela

I was happy at home, I had a great contact with children, i learned how to do with them and this will help me with my children in the future. I learned a little Italian, in my free time, i visited the city and discovered the culture of the host country.
Gabriela

.